Home

Benvenuti miei intrepidi navigatori!

Avete solcato le onde del web e, trascinati dalle fredde ed imperiose correnti, siete approdati in quest’isola remota e misteriosa: ora è tempo che riposiate.

Vi offro un riparo ed un pasto caldo, ma prima che ripartiate alla volta delle vostre meravigliose avventure vi voglio invitare a fermarvi un poco qui, in questo luogo non troppo accalcato, ove potrete scovare preziosi ed inaspettati tesori, nonchè vivere esperienze entusiasmanti alla scoperta di angoli del mondo di cui non eravate a conoscenza.

Siete intrigati?

Fate molto bene ad esserlo, ma nel caso alcuni di voi provassero ancora un po’ di remora, vi darò qualche buon motivo per smettere di indugiare. Oppure per mollare gli ormeggi e salpare verso altri mondi: ma vi avverto, ve ne pentirete.

Perchè leggere questo blog

Ammettiamolo: i blog, che parlino di musica o di videogiochi, di letteratura o di fisica, di cucina o di esperienze personali, stanno vivendo una vera e propria età dell’oro.

Che siano targati WordPress oppure Blogspot, utilizzando il motore di ricerca a voi più congeniale ne troverete un’infinità, ognuno deputato all’indagine di un particolare ambito dello scibile umano, oppure a condividere opinioni su un particolare evento accaduto di recente e via di seguito.

Recentemente, stanno sorgendo soprattutto numerosi blog concernenti la psicologia, le neuroscienze, le scienze cognitive ed altre discipline deputate allo studio del cervello e della mente umana: Viaggio al centro della mente fa parte di questa grande categoria.

Da cui la domanda: perché un ennesimo blog sulla psicologia (e non solo)?

Perché questo è diverso.

Si vabbè, che novità! Questo è ciò che scrivono tutti i bloggers sulla loro home

Ma questo blog è davvero differente rispetto agli altri.

E per ben tre motivi.

Quali? Eccoveli elencati.

Chiarezza. Gli articoli qui pubblicati sono redatti con grande chiarezza espositiva, facendo spesso utilizzo di analogie, similitudini, metafore, tutti espedienti retorici in grado di facilitare la comprensione di concetti, argomenti e idee, nonchè di aumentare la probablità di memorizzazione degli stessi.Questo perchè la filosofia degli autori del blog è quella di avere cura del navigante ospite, mettendolo a suo agio e permettendogli di accedere a contenuti complessi con relativa facilità.

Qualità dei contenuti. Gli articoli qui pubblicati presentano tutti un buon grado di approfondimento e completezza, poichè i loro contenuti sono oggettivamente di livello universitario e, in quanto tali, non solo sono perfetti per chi vuole apprendere con rigore e minuziosamente, ma possono servire anche come ripasso per gli studenti che devono sostenere gli esami.

Autorevolezza. Spesso una delle pecche che si recriminano a molti blog di orientamento scientifico è la mancanza di riferimenti a fonti e bibliografia. Tutti gli articoli ivi pubblicati sono scritti utilizzando come materia prima la memoria dell’autore, il quale nella stesura degli stessi si è preoccupato di verificare quanto essa fosse esatta, utilizzando libri autorevoli (molti dei quali universitari) i cui titoli sono presentati al termine di ciascun articolo. Sono inoltre presenti in numerosi scritti dei link che rimandano ad approfondimenti su siti scientifici (Scientific American, Nature, Linx, e molti altri).

Perchè non leggere questo blog

Sì, è vero, è alquanto strano che il padrone di casa, dopo aver declamato i pregi della propria dimora, anzichè scostarsi dall’entrata e permettere il passaggio degli ospiti rimanga invece ben piantato sulla porta a redarguirli.

Dovete sapere, però, che un blog è un po’ come in medicinale: gli effetti sulla salute sono benefici, soprattutto se l’organismo ha bisogno di esser preso in cura in quanto ha fame e sete di conoscenza, ma si possono pure verificare degli effetti collaterali.

Prendete dunque questa seconda parte della home come un bugiardino su cui sono descritte alcune controindicazioni.

Quali, dunque?

Anzitutto, non aspettatevi di trovare formule magiche, metodi infallibili o tecniche prodigiose che vi garantiscano di raggiungere un perfetto equilibrio psicologico, magari pure senza alcuno sforzo, così come trucchetti mentali per utilizzare il 100% del cervello (e non solo il 10%…a proposito, questo è un mito, avremo poi modo di vedere per quali motivi è falso) o per memorizzare in un giorno 400 pagine di un testo universitario: su questo blog si fa divulgazione scientifica, non si vende fuffa per riuscire ad accalappiarsi un vasto pubblico, a costo di mentire e di fare, conseguenetemente, della disinformazione.

Ma se questo non è un posto per trucchetti potenzia-mente di (molto) dubbia efficacia, non è nemmeno un luogo di debunking scientifico, dove l’autore, autoproclamatosi paladino senza macchia e senza paura della scienza, si scaglia con una dose insopportabile di arroganza ed aggressività contro chiunque non la pensi come lui, pronto a stanare gli errori di ragionamento altrui ed a colpire senza alcuna pietà.

Nossignori, qui non troverete alcunchè di tutto questo: la scienza non è un campo di battaglia dove vince chi uccide più nemici, bensì un metodo che produce dei risultati i quali, se spiegati con la giusta dose di chiarezza ed entusiasmo, dovrebbero convincere di per sé, senza contare che nulla è più deleterio di una comunicazione aggressiva che ignora completamente le credenze altrui, poichè l’unico effetto che produce è un respingimento da parte dell’interlocutore di ciò che il supposto paladino va divulgando.

E allora, signori miei, se siete abbastanza curiosi ed entusiasti di conoscere, se siete immuni alle controindicazioni ivi presentate, vi lascio entrare nel mia dimora: date un’occhiata in tutti i posti che vi aggradano e fate tesoro di ciò che trovate.

Buona lettura!